Davide stava portando il cibo ai suoi fratelli sul fronte di battaglia quando vide Golia. Non stava pensando di diventare un eroe, ha solo colto l'opportunità che altri soldati hanno solo sognato.

Le opportunità ci coglieranno di sorpresa e, se non siamo vigili e preparati, le mancheranno. Quello che gli altri scoprirono in Davide quel giorno era sempre stato lì!

Se siamo leader, abbiamo già il talento necessario per guidare. Ma il coraggio è ciò che ci stabilirà come leader di fronte agli altri. Le persone che veneriamo di più dimostrano coraggio: in prima linea, alla riunione del Consiglio, per difendere gli indifesi, o semplicemente per provare ciò che nessun altro credeva possibile.

Potremmo dire: “Ma non ho i soldi! Non preoccuparti: il capitale segue il valore. Il "cosa" precede sempre il "come". Non lasciamoci intimidire dai numeri. Dio non è guidato dai fogli di calcolo e dalle condizioni di mercato ... È guidato dalla fede.

Non lasciamo che il "come" ci intimidisca. È perché il "come" è così impegnativo che ci offre una grande opportunità. Se la strada per il successo fosse ben illuminata, sarebbe già affollata. Se il "come" non fosse stato un problema, qualcun altro lo avrebbe già risolto.

Tutti i progressi iniziano con una domanda: "Cosa bisogna fare?" E qualcuno deve fare questa domanda ... perché non noi?

Il futuro appartiene a coloro che hanno il coraggio di porre quella domanda e la fede per perseverare fino a quando non scoprono la risposta. Quando gli ostacoli sembrano troppo grandi e l'opposizione troppo forte, rimaniamo saldi su questa Scrittura: "Non dobbiamo temere né venir meno ... perché c'è un potere più grande in noi che in lui".

Autore sconosciuto; presentato da Moses Thavheni
Fonte: http://www.motivateus.com/

Il pensiero di oggi ci riempie di entusiasmo e di santa attesa per ciò che Dio vuole e può fare attraverso ognuno di noi se solo ci mettiamo nelle sue mani.
Mi piace quando l'autore dichiara che Dio non è impressionato dai numeri o dalle circostanze che possono circondarci a un certo punto, ma agisce sulla base della nostra fede.
Armiamoci di coraggio e fede, crediamo nel Signore che non solo ci ha creati, ma ci ha anche salvati con uno scopo e osiamo essere tutto ciò che ci ha progettato per essere.
Vai avanti e Dio ti benedica.

Raul Irigoyen
Il pensiero del cappellano