Non sei depresso, sei distratto

Non sei depresso, sei distratto, distratto dalla vita che popoli.

Distratto dalla vita intorno a te: delfini, foreste, mari, montagne, fiumi. Non cadere per quello che è caduto tuo fratello, che soffre per un essere umano quando ci sono 5.600 milioni nel mondo. Inoltre, non è così male vivere da soli.

Mi diverto a decidere in ogni momento cosa voglio fare, e grazie alla solitudine conosco me stesso, qualcosa di fondamentale da vivere.

Non cadere per quello che è caduto tuo padre, che si sente vecchio perché ha 70 anni, dimenticando che Mosè ha guidato l'esodo negli anni '80 e Rubinstein ha interpretato Chopin come nessun altro negli anni 90. Solo per citare due casi noti.

Non sei depresso, sei distratto, ecco perché pensi di aver perso qualcosa, il che è impossibile, perché tutto ti è stato dato. Non ti sei fatto un solo capello in testa, quindi non puoi possedere nulla. Inoltre, la vita non ti porta via le cose, ti libera dalle cose. Ti illumina così che voli più in alto, in modo da raggiungere la pienezza. Dalla culla alla tomba è una scuola, quindi quelli che chiami problemi sono lezioni.

Non hai perso nessuno, quello che è semplicemente morto era davanti a noi, perché eccoci tutti. Anche il meglio di lui, amore, è ancora nel tuo cuore. Chi potrebbe dire che Gesù è morto? Non c'è morte: c'è cambiamento. E dall'altra parte ti aspettano persone meravigliose: Gandhi, Michelangelo, Whitman, Sant'Agostino, Madre Teresa, tua nonna e mia madre, che credevano che la povertà sia più vicina all'amore, perché il denaro ci distrae con troppe cose, e noi via perché ci rende diffidenti.

Fai solo ciò che ami e sarai felice, e chi fa ciò che ama è benedetto condannato al successo, che arriverà quando dovrebbe arrivare, perché ciò che dovrebbe essere sarà e verrà naturalmente. Non fare nulla per obbligo o impegno, ma per amore. Allora ci sarà la pienezza, e in quella pienezza tutto è possibile. E senza fatica perché sei mosso dalla forza naturale della vita, quella che mi ha sollevato quando l'aereo è caduto con mia moglie e mia figlia; quello che mi ha tenuto in vita quando i medici mi hanno diagnosticato 3 o 4 mesi.

Dio ha incaricato un essere umano e tu sei te stesso. Devi renderti libero e felice, quindi puoi condividere la vera vita con gli altri.

Ricorda Gesù: "Amerai il prossimo tuo come te stesso". Riconciliati con te stesso, guardati allo specchio e pensa che questa creatura che stai vedendo è opera di Dio; e decidi subito di essere felice perché la felicità è un'acquisizione.

Inoltre, la felicità non è un diritto ma un dovere, perché se non sei felice stai amareggiando tutti coloro che ti amano. Un uomo solo che non aveva né il talento né il coraggio di vivere fece uccidere sei milioni di fratelli ebrei.

Ci sono così tante cose di cui godere e il nostro tempo sulla terra è così breve che la sofferenza è una perdita di tempo. Dobbiamo goderci la neve invernale e i fiori primaverili, il cioccolato perugino, la baguette francese, i tacos messicani, il vino cileno, i mari ei fiumi, il calcio brasiliano, Le mille e una notte, la Divina Commedia, Don Chisciotte, Pedro Páramo, i boleri di Manzanero e la poesia di Whitman, Mahler, Mozart, Chopin, Bethoven, Caravaggio, Rembrant, Velásquez, Picasso e Tamayo tra tante meraviglie.

E se hai il cancro o l'AIDS, possono succedere due cose ed entrambe vanno bene; Se ti picchia, ti libera dal corpo che è così fastidioso: ho fame, ho freddo, ho sonno, ho voglia, ho ragione, ho dei dubbi ... e se vinci sarai umile, più grato, quindi facilmente felice.

Libero dall'enorme peso della colpa, della responsabilità e della vanità, disposto a vivere ogni momento profondamente come dovrebbe essere.

Non sei depresso, sei ozioso. Aiuta il bambino che ha bisogno di te, quel bambino sarà il partner di tuo figlio. Aiuta i vecchi ei giovani ti aiuteranno quando lo sarai. Inoltre, il servizio è una felicità sicura, come godersi la natura e prendersi cura di chi viene. Dai senza misura e ti daranno senza misura.
Ama finché non diventi amato, ancora di più finché non diventi amore stesso.

E non fatevi confondere da pochi omicidi e suicidi, il bene è la maggioranza ma non si nota perché tace, una bomba fa più rumore di una carezza, ma per ogni bomba che la distrugge ci sono milioni di carezze che alimentano la vita.

Facundo Cabral