Qualche tempo fa ho scritto un articolo sul Natale. Qualcuno mi ha scritto chiedendomi perché stavo scrivendo qualcosa sul Natale, se il Natale fosse una festa di origine pagana. Ho risposto a quella persona che sebbene gran parte di ciò che la festa di Natale ha oggi sia di origine pagana, ciò che dobbiamo sempre salvare è l'approccio che la Bibbia fa all'arrivo di Gesù, il Salvatore su questa terra. .

Penso che abbiamo bisogno di rimettere a fuoco il Natale sulla sua origine biblica.

Non possiamo negare che la venuta del Signore Gesù sotto forma di un bambino a Betlemme fu davvero l'irruzione del Regno dei Cieli in questo mondo schiavo di menzogne, inganni e desolazione.

"Il Natale sventola una bacchetta magica sul mondo e, per questo, tutto è più liscio e più bello".

Norman Vincent Peale (1898-1993) predicatore e scrittore cristiano.

Gli aspetti pagani che circondano il Natale mirano sottilmente a oscurare o mettere da parte la figura centrale che è Gesù. Oggi spicca la figura di un vecchio, paffuto, barba bianca, vestito di rosso, chiamato Babbo Natale o San Nicola, o Rodolfo la renna dal naso rosso, o le campane o forse l'albero oi doni. Queste sono le sottigliezze nella nostra società per non mostrare il carattere reale e unico che spicca nella storia dell'umanità.

Il profeta Isaia si è avvicinato così: “Poiché un bambino ci è nato, ci è stato dato un figlio e il principato sulle sue spalle. Il suo nome si chiamerà "Consigliere meraviglioso", "Dio potente", "Padre eterno", "Principe della pace".

La durata del suo impero e della pace non avrà limiti sul trono di Davide e sul suo regno, disponendolo e confermandolo in giudizio e giustizia d'ora in poi e per sempre. Isaia 9: 6,7.

La grande domanda che dobbiamo porci in questo momento e al di fuori di questo tempo è. Perché Gesù è venuto in questo mondo? Per quale scopo?

Qualcuno una volta potrebbe rispondere ... Per salvarci. Un altro direbbe di darci la Vita. Non ci sarebbe carenza di coloro che affermano che per salvarci dal peccato.

Tutte queste risposte sono valide. Ma penso che chi potrebbe rispondere a questa domanda con grande precisione sia il Signore Gesù stesso ed ecco la sua risposta inequivocabile.

"Allora Pilato tornò nel pretorio, chiamò Gesù e gli disse:" Sei tu il re dei Giudei? Gesù gli rispose: - Dici questo da solo o ti hanno detto altri di me?

Pilato gli rispose:
"Sono ebreo?" La tua nazione e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Cos'hai fatto

Gesù rispose:
Il mio regno non è di questo mondo; Se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servi combatterebbero per non essere consegnato agli ebrei; Ma il mio regno non è di qui. Allora Pilato gli disse:

–Allora, sei re?

Gesù rispose:
Dici che sono il re. Per questo sono nato e per questo sono venuto al mondo: per testimoniare la verità. Chiunque è della verità ascolta la mia voce. Giovanni 18: 33-37.
Gesù dice a Pilato: Per questo sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per testimoniare la verità.

Quando il Signore ha fatto questa dichiarazione?

Quando ero sotto processo. Era stato giudicato, tuttavia il Signore passò dal ruolo di giudicato a quello di testimone.

In un tribunale chi rende testimonianza è chi deve chiarire la realtà di quanto accaduto.

Dal giardino dell'Eden la verità di Dio è stata messa in dubbio e messa in dubbio.

Satana nella forma di un serpente potrebbe dubitare della dichiarazione di Dio quando disse a Eva ... Con quello che Dio ti ha detto. Quello non è vero. Quello che succede è che Dio non vuole che tu sia come lui.

La nostra società ha cercato la menzogna e ha rifiutato la verità.

Rimettiamo a fuoco il Natale quando diciamo che Gesù è venuto per rendere testimonianza alla verità.

LA VERITÀ È STATA SACRIFICATA.

Non solo ieri, ma anche oggi la verità è stata picchiata, oltraggiata, violentata e ferita.

Il profeta Isaia disse: "anzi è fatto inciampare nella piazza". Isaia 59:14.

"La verità non si vede da nessuna parte" Isaia 59:15.

Il profeta Geremia proclamò questa dichiarazione: "La verità è morta, gli è stata strappata dalla bocca". Geremia 7:28.

La menzogna è proclamata come verità in Scienza, Filosofia, Etica, Chiesa, Comunità, Famiglia, Stato, Legge, Media, Arte, Lavoro e c'è ancora un tentativo di riscrivere la Storia.

Il presidente dell'Iran (Mahmoud Ahmadinejad) afferma e assicura che l'Olocausto non esisteva.

La scienza dice che veniamo dalla Scimmia.

L'ordine sociale di Dio per la famiglia (un uomo e una donna) oggi è cambiato dalle leggi con i matrimoni tra persone dello stesso sesso.

I famosi diritti umani oggi privano i genitori del diritto di allevare i figli nella corretta disciplina.

E lo vediamo a Natale. Oggi il personaggio centrale non è Gesù, ma Babbo Natale, una renna, un albero o una stella.

L'apostolo Paolo lo dice in Romani quando disse: "Hanno scambiato la verità di Dio con una menzogna, adorando e servendo gli esseri creati davanti al creatore". Romani 1:25.

Rifocalizzeremo il Natale verso l'obiettivo sublime di Esaltare il Signore dei Signori e Re dei Re, colui che il profeta Isaia ha descritto come Il Principe della Pace.

Da bambini eravamo grati a coloro che ci riempivano i calzini per Natale. Perché non abbiamo ringraziato Dio per aver riempito i nostri calzini con i nostri piedi?

Gilbert Keith Chesterton (1874-1936), scrittore britannico.

Oggi iniziamo con l'essere grati a Dio per averci donato il suo Figlio unigenito affinché Lui sulla Croce ci doni la vita e ci dimostri la verità. La verità è lui.

Ma siamo anche grati per tutto ciò che Dio ci ha dato.

Non ascoltiamo più le bugie che la Compagnia ci dice e apriamo i nostri cuori per essere inondati dall'Eterna Verità.

"Conoscerai la verità ... E la verità ti renderà libero." Gesù.

Possa questo Natale il centro della tua vita, della tua famiglia, del tuo presente e del tuo futuro essere… Il Signore Gesù Cristo.

Dr. Serafín Contreras Galeano.
www.serafincontreras.com